Aziende e social media, le nuove sfide

social media aziendali

L’impatto dei social media sulla comunicazione esterna e interna delle aziende ha toccato ormai tutti i settori industriali. E’ in corso una rivoluzione e l’utilizzo efficace dei social media rappresenta un netto vantaggio competitivo.

Le aziende si trovano a dover reinventare le modalità di contatto con i clienti e l’organizzazione del lavoro interna. Ecco quali sono secondo me le sfide più rilevanti da affrontare.

Usare i social media nell’organizzazione del lavoro

I social media spingono verso un’organizzazione del lavoro orizzontale, dove tutte le informazioni sono condivise e i rapporti sono principalmente informali. Questo va fortemente in contrasto con i modelli classici di organizzazione “verticale”, in cui vi è uno stretto controllo di pochi ed esecuzione di molti. L’utilizzo dei social media nell’organizzazione del lavoro consente facilmente di portare avanti più progetti in paralleloe di utilizzare una metodologia agile. Tutto ciò non è possibile se le informazioni non sono disponibili a tutti e non vi è collaborazione e condivisione simultanea; le metodologie di lavoro che prevedono una schedulazione a priori e un’andamento lineare dei progetti devono scendere a compromessi con le possibilità offerte dai social aziendali. All’interno del nostro team in Veespo accoppiamo una schedulazione di massima con milestones definite e controllo periodico all’organizzazione del lavoro giornaliero con metodologie più flessibili che consentano di arrivare agli obiettivi stabiliti definendo giorno per giorno i passi operativi.

Analizzare e anticipare i trend

Il ritmo con cui le aziende digeriscono l’utilizzo dei social media spesso non sta dietro alla velocità di innovazione degli strumenti e del loro utilizzo. Monitorare l’evoluzione della comunicazione online è fondamentale per capire quali sono i nuovi modelli di business possibili e le tecnologie da utilizzare sviluppare, così da essere fra i primi ad adottarli. C’è bisogno all’interno delle aziende di programmi ad hoc che spingano i dipendenti a rimanere sempre aggiornati sui nuovi trend e le nuove tecnologie, dando loro la possibilità di sperimentare. In Google ad esempio i dipendenti hanno a disposizione il 20% del loro tempo lavorativo per seguire progetti che li interessano, Google News e Gmail sono nati così.(*)

Rivoluzionare il modo di comunicare

I social media hanno rivoluzionato il modo in cui le aziende comunicano: se con i media classici (tv, giornali,ecc…) i messaggi aziendali erano univoci e controllati, i social media ribaltano completamente la natura della comunicazione, rendendola biunivoca e compartecipata. I contenuti aziendali possono essere retwettati, rebloggati e condivisi dagli utenti cambiandone la forma e aggiungendo opinioni personali su cui l’azienda non ha alcun controllo. L’utilizzo di strumenti di analisi aiutano a comprendere i meccanismi di condivisione, individuare gli influencers di un certo settore e a creare una base di followers che aiuti ad amplificare i messaggi aziendali. (qui alcuni consigli su social media analitycs)

Creare contenuti rilevanti e virali

Il tema della creazione di contenuti è senza dubbio una delle sfide con cui le aziende ogni giorno devono confrontarsi. Un piano di comunicazione efficace deve prevedere contenuti che riescano ad attirare l’attenzione dell’interlocutore differenziandosi dal brusio a cui è sottoposto sui social media (qui trovi consigli sulla creazione di contenuti di valore). Inoltre riconoscere e sfruttare i meccanismi di viralità è la chiave per diffondere i propri contenuti. Trasmettere i messaggi e la mission aziendale è fondamentale per umanizzare l’azienda, raccontando la vita delle persone che ci lavorano condividendo un obiettivo comune. Non si parla solo dei prodotti o dei servizi, ma di come vengono realizzati, qual è il lavoro che c’è dietro e lo spirito di chi ha contribuito a crearli.

Creare sinergie e filtrare contenuti coerenti

Una delle possibilità da sfruttare per la diffusione dei messaggi aziendali è quella della creazione di contenuti in modo compartecipato con aziende fornitrici e clienti. Sapere da dove viene un prodotto e cosa ne pensa chi già lo utilizza aiuta a creare un’immagine di trasparenza dell’azienda e le sinergie create da più reti social amplifica il messaggio. Inoltre utilizzare contenuti creati da altri consente di contenere i costi delle campagne social. L’importante è saper filtrare il rumore della rete, individuare contenuti attendibili e coerenti con il messaggio aziendale.

Quali sono secondo voi le sfide che le aziende affrontano ogni giorno nei social media? Quali programmi dovrebbero portare avanti per coinvolgere direttamente i dipendenti? Come integrate voi i social all’interno della vostra azienda?

Letture consigliate e fonti:
McKinsey Quarterly- Six Social-Media Skills Every Leader Needs
(*) Forbes- Google’s Secret of Innovation: Empowering Its Employees / The New York Times- The Google Way: Give Engineers Room

Commenti

Lascia un Commento