10 tool online di cui non puoi fare a meno

tool onlineDa quando lavoro in una startup, sono sempre alla ricerca di nuovi strumenti che mi aiutino a collaborare meglio con il mio team e organizzare il mio lavoro. Ho raccolto qui i tool online di cui ormai non posso più fare a meno, alcuni noti altri meno.

1. Evernote per gestire le note

Di sicuro il mio preferito, mi aiuta a tenere traccia di tutto: con il plugin per browser “ritaglio” al volo gli articoli che mi interessano e gli organizzo con i tags; prendo nota di qualsiasi idea mi venga in mente nell’app mobile; visualizzo e organizzo tutte le mie note su desktop. Ci scrivo anche la lista della spesa :-). Con la versione premium i taccuini possono essere condivisi e aggiornati da più persone (nella versione free solo il proprietario del taccuino può modificare o aggiungere note).

2. Dropbox per condividere

Lo so, nulla di nuovo, ma come potevo non includerlo nella lista? Con Dropbox condivido documenti di lavoro e non e sopratutto tengo al sicuro foto e documenti importanti a cui posso avere accesso da qualsiasi pc. Comodo se perdi il passaporto in giro no?

3. Yammer per comunicare con il team

Il nostro social network all’interno del team Veespo, condividiamo principalmente notizie e strumenti utili, ma anche contenuti per farci una pausa risate. Yammer ha un feed continuo in cui è abbastanza difficile riuscire a ritrovare contenuti condivisi in passato; per orientarsi meglio basta usare i gruppi e i tags per argomenti.

4. Tweetdeck per gestire più account twitter

Per gestire nel modo più semplice più account twitter, la dashboard prodotta dalla stessa Twitter è sicuramente lo strumento più intuitivo. Posso twittare contemporaneamente da più account e avere una schermata unica per visualizzare i feed di diverse liste o anche ricercare singole parole chiave ristrette per linguaggio o area geografica. Nonostante ci siano strumenti più avanzati come Hootsuite, se c’è bisogno solo della gestione twitter, per me TweetDeck è lo strumento più intuitivo e gradevole dal punto di vista di usabilità e grafica.

5. Asana per la gestione dei progetti

E’ uno strumento di project management che consente di avere in un attimo una visualizzazione globale degli step di un progetto. Rispetto ad altri strumenti con lo stesso scopo, Asana risulta molto semplice da utilizzare per tutti, con il vantaggio che ognuno all’interno del team può gestire facilmente i propri task. La curva di apprendimento sale solo un po’ nella gestione delle priorità di progetto e degli allegati, ma sono presenti tutorial online che consentono di capirne il funzionamento in pochi minuti.

6. Google Tasks per essere produttivo

Avere tutte le cose da fare in un unico punto mi aiuta ad essere più produttiva. Con Google Tasks riesco a gestire su web e mobile tutto quello che ho da fare e grazie ai reminder e ai sotto-tasks schedulo le mie attività.

7. Insightly per collegare i contatti ai progetti

Insightly permette di gestire progetti e contatti collegandoli fra loro tramite il tuo account Google. Insightly può essere infatti integrato nella suite di google apps collegate al tuo account; in questi modo puoi importare i tuoi contatti lavorativi e collegarli ai progetti in corso. Nella gestione dei progetti puoi inserire riferimenti a Google Docs e email, in modo da avere costantemente a portata di mano tutta la storia del progetto e del materiale relativo.

8. Doodle per schedulare meeting

Mettere d’accordo tante persone su quando incontrarsi a volte è davvero faticoso, così per incontri lavorativi e non uso doodle che consente di trovare data e orario che van bene a tutti.

9. Join.me per condividere il mio schermo

Spesso l’unico modo per collaborare produttivamente su un prodotto digitale è guardare lo schermo dell’altro. Con Join.me è davvero facilissimo condividere lo schermo con un collega o un cliente e lavorare facilmente allo stesso progetto.

10. Feedly per organizzare i feed

Dopo la chiusura di Google Reader, mi sono dovuta trovare una nuova soluzione per gestire i feed dei blog che seguo. Feedly da la possibilità di importare l’organizzazione dei feed di Google Reader con una grafica più piacevole e intuitiva.

Quali sono i tool di cui non potete fare a meno voi?

Commenti

3 thoughts on “10 tool online di cui non puoi fare a meno

  1. Ciao, ti ho appena scoperta e… subito tra i feed di Feedly :D Anche per è il sostituto di google reader e anzi, lo adoro perché mi sembra molto più gradevole da usare. Ero indecisa sul da farsi con Evernote, ma credo che lo proverò, visto che ne ho sentito parlare così bene.
    Grazie per le dritte!

  2. Ciao, sto cominciando ora a esplorare Insightly. Ottimo programma assolutamente, ma ho delle domande a cui non so se sai dare risposta.
    La prima domanda è come mai nella History di un contatto non escono anche le opportunità, ad es, ad esso associate; vengono segnati gli eventi, appuntamenti, file di quel contatto ma nulla di più. Ovviamente sarebbe molto più comodo avere riassunto tutto in un unico “spazio”. Sai come si può fare e specialmente se è possibile farlo?
    Seconda domanda: è possibile impostare la funzione per cui se salvo un contatto che appartiene ad una Organization vengono salvati anche i dati di quest’ultima nella sezione organization?
    Grazie mille per l’aiuto.
    Alice

Lascia un Commento